arrow-down-2arrow-downbagbreadcrumbs-arrowbutton_arrowbutton_arrow_close_modal_windowdownloademailfacebook-footerfacebookgoogleplus-footergoogleplusgoogleplus_oldhomelinklinkedin-footerlinkedinlistmagnifymailmarkerpage-nav-arrow--rightpage-nav-news-arrow--leftpage-nav-news-arrow--rightpage-nav_gridpage-nav_leftpage-nav_rightpinterestshield-checkslider-arrow--leftarrow-dxtwitter-footertwitteruserworldmapyoutube-footer

Family Day - 12 settembre 2015

28.09.2015

“Una giornata meravigliosa!”

“Eventi come questi, ti fanno sentire parte di una grande famiglia.”

Questi, i commenti dei partecipanti all’evento che, lo scorso 12 settembre, si è tenuto nella sede centrale di Uteco Converting SpA, a Colognola ai Colli (VR), in occasione del trentesimo anniversario di attività dell’azienda, che ha visto partecipi circa 700 persone tra dipendenti dell’azienda con le rispettive famiglie.

“L’obiettivo della giornata era far conoscere l’azienda ai propri cari, condividere con loro il lavoro che facciamo ogni giorno per contribuire alla crescita della società”, ha detto Simone Quinto, CFO, Amministratore Delegato e Vicepresidente Uteco Nord America, “Siamo fieri di celebrare i 30 anni di un’impresa che, grazie all’impegno costante di tutti, si è affermata come realtà italiana leader nel settore, con un netto miglioramento finanziario che ci ha permesso di fare nuovi investimenti strutturali e commerciali, spingendo l’azienda verso una crescita regolare e impostata su una progressiva internazionalizzazione”.

Ore 16:00, si aprono i cancelli di Uteco Converting SpA. Ad accogliere i dipendenti, accompagnati dalla loro famiglie, un lungo e grande tappeto rosso sormontato da bellissimi nespoli giapponesi, sotto ai quali sono stati posizionati numerosi tavoli e sedie, il tutto contornato da moltissimi palloncini rossi e bianchi, colori che da sempre contraddistinguono Uteco.

Si parte subito con un tour dell’intero stabilimento, iniziando il percorso con il nuovo UT3 (edificio adiacente alla sede inaugurato appena lo scorso anno). In 7000 mq, l’edificio ospita parte della produzione e, seguendo il percorso delimitato dai palloncini, i visitatori hanno potuto vedere due modelli Onyx e un modello Diamond: molto emozionanti gli attimi in cui i dipendenti mostravano il funzionamento delle macchine alle proprie famiglie, trasmettendo nel descriverle la stessa passione  impiegata per farle “crescere”, costruendole e montandole pezzo dopo pezzo, giorno dopo giorno.

Il viaggio continua attraverso i nuovi uffici tecnici, che costituiscono una parte molto importante e dinamica del nuovo stabilimento. Proseguendo, una reception addobbata da numerosi palloncini accoglie tutti coloro che desiderano visitare la torre centrale, dove si trovano l’ufficio marketing e quello commerciale, la contabilità e infine, in alto, gli uffici dirigenziali.

Terminata la prima parte del tour, si prosegue con la visita in UT1, l’edificio che accoglie gli uffici dedicati alla programmazione, alla spedizione e alle risorse umane, ospita il resto dell’apparato produttivo, il cuore di Uteco. Qui nasce la macchina da stampa, dalle singole componenti al macchinario completo. Un ciclo produttivo sostenuto da abili mani che, quotidianamente danno alla luce prodotti completamente customizzati e altamente tecnologici, che rispondono al meglio alle diverse esigenze di ogni cliente. Anche la continua ricerca della qualità è prerogativa essenziale per Uteco. Infatti, una tappa del tour prevede anche una sosta alla nuova fresatrice verticale Dinomax, firmata FPT: eccellenza italiana nel settore delle macchine alesatrici e fresatrici, acquistata per rafforzare il reparto interno dedicato alla lavorazione meccanica.

A conclusione di questo tour, doverosa la dimostrazione del processo di stampa della nuova nata in casa Uteco: Onyx XS, la flessografica compatta progettata per l’ottimizzazione delle tirature molto brevi dell’imballaggio flessibile, ma adatta anche alla stampa di etichette, che sarà presentata in anteprima mondiale  nel corso della più importante fiera europea per il settore della stampa: la Drupa. Un ringraziamento particolare va ai nostri stampatori che, per l’occasione, hanno indossato la divisa aziendale e hanno messo in funzione la macchina che, raggiungendo la velocità di stampa di 400 m/m, ha suscitato lo stupore di tutti i presenti.

È il momento dei bambini. Tutti in cortile dove li aspetta un lauto banchetto a misura di goloso: gelati, crepes, zucchero a velo e popcorn. Uno spazio completamente dedicato: tre stupende animatrici dipingono i visi dei più piccoli dei colori più disparati, una postazione Wii per i più appassionati e giochi di gruppo accompagnati da sculture di palloncini; ma è solo l’inizio. Alle 17:30 prende vita l’evento più atteso: lo spettacolo di magia per grandi e piccini, emozioni uniche nel vedere riuniti tutti gli ospiti catturati dai giochi di prestigio e gli occhi spalancati dei più piccoli incantati dallo show.

E ora, il doveroso intervento di chi, attraverso impegno e massima dedizione, ogni giorno si impegna a far crescere sempre di più, e sempre più saldo e compatto, il Gruppo Uteco. Un discorso coinvolgente, che ci rende fieri di essere parte di questa realtà. Un discorso umile, che riconosce gli sforzi e i meriti di ogni singolo individuo, dal più anziano ed esperto alla mente più giovane e carica di energia. Con queste parole, la Direzione, coglie nel segno ringraziando, chi con poco chi con tanto, ha contribuito e contribuisce ogni giorno a tutto questo.

“Il family Day per onorare la vostra famiglia, che vi sostiene nei momenti di felicità, e vi affianca nei momenti di difficoltà. Il Family Day per onorare la Nostra Famiglia, che da trent’anni è la famiglia Uteco: aver costruito tutto questo insieme ha richiesto uno sforzo enorme a tutti, ma conservare e incrementare tutto questo richiede uno sforzo ancora più forte per il futuro”, commenta Aldo Peretti, responsabile globale dell'impresa,CEO del gruppo e presidente di Uteco Nord America. Prosegue “Considerate che in questi anni Uteco ha investito molto anche in risorse umane, oltre che in sviluppi tecnologici innovativi. Perciò un Grazie va al contributo di operai, impiegati, dirigenti, azionisti”.

Un gesto simbolico poi, quello del taglio del nastro che tiene legati 30 palloncini bianchi e rossi, rappresentanti i 30 anni di attività del Gruppo, e che danno il via al grande banchetto pensato e organizzato nella campata centrale in totale sinergia con il tema proposto all’Esposizione Universale: il cibo.
Quattro gli stand. L’Italia, con la freschezza della frutta e la bontà dei prodotti genuini offerti dalla terra del Bel Paese: tortellini, pasta, salumi, formaggi e vini. Lo stand della Spagna, con i profumi tipici del pesce e della paella e l’allegria della bevanda più famosa della penisola, la sangria. La Germania con i suoi sapori intensi: wurstel bolliti, crauti, brezel, strudel e buonissime birre artigianali alla spina. Infine le Americhe con i cibi tipici più golosi: hamburger, patatine, hotdog e tortillas. Un viaggio nelle culture culinarie del mondo, assaggi che ti trasportano da un capo all’altro del globo con un solo morso. Oltre ad un occasione di festa per i partecipanti e per le loro papille gustative, un reale momento per condividere le proprie esperienze di vita, il proprio percorso e i propri sogni per il futuro, che, in Uteco, speriamo sia il più roseo e ricco di soddisfazioni possibile.

Top