arrow-down-2arrow-downbagbreadcrumbs-arrowbutton_arrowbutton_arrow_close_modal_windowdownloademailfacebook-footerfacebookgoogleplus-footergoogleplusgoogleplus_oldhomelinklinkedin-footerlinkedinlistmagnifymailmarkerpage-nav-arrow--rightpage-nav-news-arrow--leftpage-nav-news-arrow--rightpage-nav_gridpage-nav_leftpage-nav_rightpinterestshield-checkslider-arrow--leftarrow-dxtwitter-footertwitteruserworldmapyoutube-footer

La stampa digitale incontra la flexo: Gruppo Uteco e Kodak insieme nel futuro dell’imballaggio

19.06.2015

Ad oggi, il settore imballaggi è in forte crescita, ma all’aumento della richiesta si affianca l’esigenza di un prodotto sempre più diversificato e customizzato.

In risposta il settore mette a disposizione la tecnologia leader nella stampa dell’imballaggio: la flessografia, che unisce i vantaggi dell’elevatissima qualità aggiunta all’economicità e alla flessibilità nella produzione. Inoltre, la flessografia si presta ad essere integrata con la tecnologia digitale che aggiunge il valore dell’estrema personalizzazione del dato variabile, ottenendo una soluzione ibrida ideale per lo stampatore di imballaggio flessibile.

La combinazione di tecnologie di stampa diverse come la stampa flexo e digitale, a cui si aggiungono strategie di marketing ad hoc, offrono vantaggi considerevoli agli stampatori che vengono ripagati sia dal ritorno economico, sia in termini di riconoscimento e visibilità del proprio brand.

Grazie alla collaborazione, all’impegno e alla ricerca di Gruppo Uteco è stato possibile dimostrare la fattibilità di un progetto vincente che vede come protagonisti Gruppo Uteco stessa e Kodak.  Nel corso di Converflex sono state fatte delle dimostrazioni che hanno permesso a clienti, provenienti da tutto il mondo, di toccare con mano film flessibile per imballaggi stampato su una macchina da stampa flexo Uteco Onyx 812, ottimizzata per la stampa WetFlex evoluta tramite l’utilizzo di inchiostri EB con tecnologia Uteco EB2, equipaggiata con due teste inkjet Kodak Prosper, modello S20, che stampa in nero più un colore spot (in questo caso il rosso).

La dimostrazione ha avuto luogo nel nuovo centro tecnologico ConverDrome® di Gruppo Uteco a Colognola ai Colli (VR). Durante la dimostrazione è stata raggiunta la massima velocità conseguibile con questo tipo di applicazione grazie alla potenza delle macchine Uteco utilizzando lastre Flexcel NX e Teste e ai sistemi inkjet Kodak Prosper S – Series. Per tutti i dettagli tecnici relativi alla tecnologia Kodak Prosper Imprinting system e Flexcel NX, clicca qui.

Kodak Flexcel NX: http://graphics.kodak.it/IT/it/product/flexographic/default.htm;

Kodak S-Series Imprinting System: http://graphics.kodak.it/IT/it/Product/Printers_Presses/Comm_Imprint/PROSPER_Imprinting/default.htm.

La tecnologia Uteco inoltre, permette un’integrazione delle teste di stampa digitali Kodak semplice e immediato.

I risultati di questa dimostrazione sono stati decisamente positivi, anche grazie alla tecnologia EB2 Green Evolution in cui il Gruppo Uteco crede fortemente, anche sulla base del proprio brevetto Thermilox®, che sta rivoluzionando la stampa flexo permettendo una resa cromatica e una brillantezza finora sconosciuti assieme alla compatibilità con diverse normative nel settore stampa (food packaging, pet food, outdoor application, personal care, ecc.) e scoprendo mercati fino ad ora negati alla stampa flessografica. La tecnologia digitale, che trova nella Prosper la sua migliore applicazione, apporta un valore aggiunto mai sperimentato in precedenza.

La stampa Flexo di Gruppo Uteco, inoltre, ha trovato con il modello Diamond una naturale applicazione anche nella stampa della carta dove lavora a 800 m/min con l’aggiunta del dato variabile stampato con una Prosper S30.

Durante la dimostrazione i visitatori hanno potuto assistere ad una vera e propria simulazione di produzione con macchina Uteco (Onyx 812) su imballaggio secondario e primario personalizzato con il dato variabile Kodak. Quindi sono stati riprodotti e presentati dei mock-up dimostrativi come testimonianza dell’ efficienza e della qualità dell’applicazione stessa.

Top