arrow-down-2arrow-downbagbreadcrumbs-arrowbutton_arrowbutton_arrow_close_modal_windowdownloademailfacebook-footerfacebookgoogleplus-footergoogleplusgoogleplus_oldhomelinklinkedin-footerlinkedinlistmagnifymailmarkerpage-nav-arrow--rightpage-nav-news-arrow--leftpage-nav-news-arrow--rightpage-nav_gridpage-nav_leftpage-nav_rightpinterestshield-checkslider-arrow--leftarrow-dxtwitter-footertwitteruserworldmapyoutube-footer

Uteco al Best in Flexo e FlexoDay, Bologna 2017

23.11.2017

Uteco Group ha partecipato anche quest’anno al Flexo Day di Bologna, il convegno di aggiornamento sulla stampa flessografica organizzato ogni anno da Atif per favorire l’aggregazione dei converter, abbinato al concorso Best in flexo “il premio alla qualità di stampa flessografica”.

Alla sua terza edizione il premio alla qualità di stampa flessografica continua a puntare sulle novità per stimolare e coinvolgere in misura crescente la comunità flessografica italiana nell’ambito di questa iniziativa che ha lo scopo di valorizzare la qualità di stampa italiana e di rendere merito alle indubbie eccellenze del settore.

Durante l’evento Best in Flexo, tenutosi al Savoia Hotel Regency, Uteco, in qualità di Platinum Sponsor, ha premiato Cartotecnica Postumia per la categoria carta/cartoncino banda stretta (premio consegnato dal CFO dell’Azienda Simone Quinto) e Form Bags per la categoria carta/cartoncino banda media (premio consegnato dal COO Stefano Russo).

Significativo anche l’intervento del CEO Aldo Peretti, che ha spiegato l’importanza di supportare a livello promozionale l’eccellenza tecnologica italiana 4.0, sul mercato mondiale. Un accenno anche alla partecipazione di Uteco all’attesissima manifestazione Print4All 2018, che si terrà a Milano dal 29 maggio al 1 giugno.

Nella giornata seguente, al Flexo Day, Giuseppe Tripaldi (Uteco Printing Technologies &"Converdrome" Manager) ha tenuto un interessante intervento, davanti ad una numerosa platea di partecipanti, riguardante il mondo della flessografia. Intitolato “Perché Flexo?”, lo speech ha avuto come tema principale l’importanza da parte del convertitore di investire in una tecnologia come quella flessografica e quali i vantaggi effettivi, come la velocità di produzione e di cambio lavoro, la semplicità di utilizzo, la qualità dello stampato, la riduzione degli scarti e la possibilità di utilizzare diverse tipologie di inchiostri, con uno sguardo puntato alle nuove tecnologie green.

La partecipazione  al Flexo Day è stata molto significativa, avendo coinvolto circa 450 addetti ai lavori e dimostrandosi, ancora una volta, momento di richiamo tecnologico di riferimento nel settore della stampa flessografica.

Top