arrow-down-2arrow-downbagbreadcrumbs-arrowbutton_arrowbutton_arrow_close_modal_windowdownloademailfacebook-footerfacebookgoogleplus-footergoogleplusgoogleplus_oldhomelinklinkedin-footerlinkedinlistmagnifymailmarkerpage-nav-arrow--rightpage-nav-news-arrow--leftpage-nav-news-arrow--rightpage-nav_gridpage-nav_leftpage-nav_rightpinterestshield-checkslider-arrow--leftarrow-dxtwitter-footertwitteruserworldmapyoutube-footer

Uteco e SACE (Gruppo CDP) il packaging italiano vola verso il Cile

27.12.2017

Verona, 27 dicembre 2017 – Con il supporto di SACE, che insieme a SIMEST costituisce il Polo dell’export e dell’internazionalizzazione del Gruppo CDP, Uteco Converting – azienda veronese attiva nella produzione di macchine da stampa per il settore dell’imballaggio e del packaging – ha esportato in Cile macchinari per 1,4 milioni di euro.

L’intervento di SACE – presente in Veneto con i suoi uffici di Venezia e Verona – ha consentito all’azienda, leader mondiale nel settore, di offrire al proprio cliente cileno soluzioni di pagamento competitive, assicurandosi contro il mancato incasso della fornitura di impianti.

Una collaborazione, quella tra Uteco e SACE SIMEST, che dura ormai da oltre 10 anni, e che ha permesso all’azienda di esportare in tutto il mondo. Con una produzione di oltre 100 macchinari all’anno, Uteco si distingue anche per i suoi investimenti in tecnologia e in ricerca e sviluppo, che puntano a farla diventare un’industria 4.0. Uteco si avvale anche di SIMEST per le sue strategie di internazionalizzazione.

“La nostra  propensione all'export, sempre molto accentuata, ci spinge a ricercare continuamente soluzioni che riducano drasticamente il rischio Paese – ha dichiarato Simone Quinto, Cfo di Uteco –. In questo, l'ultra-decennale collaborazione con Sace,  si è dimostrata molto preziosa”.

Con questa operazione, SACE e SIMEST confermano inoltre il proprio sostegno alle aziende del Veneto, una delle regioni di punta dell’export italiano, dove nel 2016 hanno supportato oltre 3.000 aziende mobilitando risorse per 2,2 miliardi di euro.

Top