La storia

Da oltre trentacinque anni offriamo soluzioni per la stampa e il converting che anticipano i cambiamenti di mercato, credendo nei valori di innovazione, flessibilità e sostenibilità.

Alle origini di Uteco, tra storia, tecnologia e futuro

La nostra storia inizia nel 1985 in Italia, tra le colline della provincia di Verona, nell’area industriale di San Martino Buon Albergo. L’iniziativa è di un imprenditore veronese che si dota di una propria unità produttiva, di un servizio di montaggio e di un servizio di assistenza post-vendita insieme ad altre quattro persone che avevano già esperienza con le macchine flessografiche. Passione, intuizione, crescita e forte spinta verso l’innovazione tecnologica sono da subito nel nostro DNA.

Presto l’elevata produttività rende necessario il trasferimento alla sede di Colognola ai Colli, nell’est veronese, dove si trova anche oggi il nostro quartier generale. Nel tempo la sede si amplia con nuovi padiglioni: nel 2007 apriamo l’Uteco Plant#2 che, destinato inizialmente alle macchine usate, diventa la sede del ConverDrome® nel 2014, quando apriamo un nuovo centro di R&D. Nello stesso anno inauguriamo lo stabilimento Uteco Plant#3, adiacente alla sede centrale, dove si trovano uffici e parte della produzione. Il padiglione più nuovo, Uteco Plant#4, viene costruito nel 2018 e diventa operativo dall’anno successivo.

Le tappe più importanti della nostra storia sono strettamente legate alla realizzazione di particolari soluzioni innovative per la stampa e il converting, sia per clienti italiani, sia per il mercato europeo, americano e del resto del mondo. Allo stesso modo importanti momenti di evoluzione e crescita sono segnati dalla partecipazione negli anni alle fiere internazionali di settore più importanti per il mondo del packaging: la Drupa e la K, che si svolgono in Germania, a Dusseldorf, e la Print4All.

Dall’inizio agli anni 2000

Nell’anno della fondazione, in pochi mesi forniamo ad un importante cliente italiano la prima macchina flessografica 2 colori in linea a saldatrice.

Nel 1992 produciamo la prima macchina da stampa innovativa, completamente automatica, con cambio robotizzato dei cilindri: il modello Jade. L'anno seguente lanciamo la prima serie rotocalco Programm.

Il 1997 rappresenta un punto di svolta: progettiamo e realizziamo per un cliente tedesco la prima macchina da stampa flessografica completamente gearless, che ci porta ad affermarci definitivamente sul mercato mondiale.

A Ottobre 2000 inauguriamo la sede americana Uteco North America ad Atlanta (GA).

Nel 2002 realizziamo una rotocalco speciale per un importante cliente inglese che opera nel campo della security. La macchina è adatta per la de-metallizzazione, la stampa e l’accoppiamento a registro in una sola linea.

Il 2004: una nuova generazione di flessografiche gearless

Le macchine flessografiche gearless sono le protagoniste del nuovo millennio. Anticipando i cambiamenti del mercato, nel 2004 presentiamo alla Drupa il modello Onyx, la prima flessografica della nuova generazione gearless, presto la punta di diamante della nostra produzione, che conta oltre 600 macchine.

Onyx è la naturale evoluzione della macchina Emerald, ne eleva la qualità di stampa e grazie alla sua estrema semplicità d'uso e rapidità di cambio lavoro facilita la relazione tra tecnologia e operatore. Con le successive evoluzioni della Onyx ci concentriamo sull'eccellenza creata da un prodotto vincente, concretizzando nella flessografia la nostra leadership mondiale.

a flexo gearless Uteco machine

2007 – 2013: innovazione su nuove macchine

Per rispondere alle esigenze dei clienti che richiedono macchine da stampa flessografiche ad alta produttività nasce il progetto Diamond HP, studiato per ottenere prestazioni elevatissime, massima qualità di stampa, affidabilità ed efficienza. La Diamond HP 808 con inchiostri a base acqua viene esposta alla Drupa nel 2008.

Nel 2008 continua lo sviluppo delle macchine speciali, in particolare accoppiatrici e spalmatrici, con l’installazione di due linee: una per il converting di film verniciato autoadesivo e una per la produzione di carta siliconata autoadesiva.

Nello stesso anno presentiamo la prima applicazione della tecnologia Electron Beam (EB) su macchina flessografica. La ricerca sulla tecnologia EB continua e nel 2011 introduciamo il brevetto Thermilox®, che garantisce un accurato e continuo controllo della temperatura dell’inchiostro durante la stampa.

Il 2010 è l’anno in cui introduciamo sul mercato la prima macchina roto-offet Silver SIL destinata all’ambito della sicurezza, realizzata per un’importante banca dalla business unit dedicata alla progettazione delle macchine speciali.

L’anno successivo presentiamo la linea Crystal, macchina flessografica dinamica e compatta dotata dei sistemi di controllo automatici brevettati e interamente realizzati dai nostri team: Touch&Go® e Kiss&Go®. 

Nel 2013 lanciamo sul mercato la Diamond VHP, pensata per la stampa e il pre-print su grandi formati, fino a 800 metri. 

2015: i nostri primi trent’anni

Nel 2015 abbiamo compiuto trent’anni di attività presentando due nuove gamme di macchine: la flessografica compatta Onyx XS e l’innovativa rotocalco Next 450. Con l’anniversario abbiamo inaugurato nuova stagione di investimenti indirizzati a diverse aree dell’azienda: alla formazione delle risorse umane, secondo le più moderne metodologie operative basate su 6Sigma e Lean Production; al reparto di Ricerca e Sviluppo per progetti innovativi come l’elettronica stampata applicata allo Smart-Active Packaging, anche in collaborazione con enti e università italiane e straniere. Infine, investiamo in un nuovo Centro di Lavoro presso la sede centrale di Colognola, così da avere l’assoluto controllo qualitativo dei componenti meccanici principali delle macchine.

Digitale e green: l’innovazione di Uteco che guarda al futuro

Il 2017 è l’anno in cui introduciamo sul mercato nuove macchine rotocalco, come la NXS, e nuove accoppiatrici e spalmatrici, elaborando soluzioni innovative per la stampa di brevi tirature ad elevato ROI per gli stampatori. Infine, presentiamo le prime macchine per la stampa digitale.

Nel 2018 NB Renaissance acquisisce l’81% del Gruppo Uteco. A maggio partecipiamo alla prima edizione di Print4All concludendo numerose trattative.

La più recente partecipazione alla fiera K, a ottobre 2019, è stata particolarmente fruttuosa non solo per il numero di macchine vendute, ma anche per le novità tecnologiche presentate: il 2019 è stato l’anno dell’introduzione di Rainbow 4.0, l’accoppiatrice solventless con soluzioni di green technology

Il 2020 segna l’inizio di una nuova era: applichiamo l’innovazione più all’avanguardia per la laminazione e la stampa digitale per il packaging flessibile alla nuova DuaLam, la macchina dotata dell’omonimo sistema di laminazione solvent-free sviluppato da Sun Chemical, alla gamma digitale Sapphire EVO W e alla Crystal 2.0.

uteco staff